Diziomondo -

L'Enciclopedia Artigiana del Pensiero

Tutto il resto è noia

Print Friendly, PDF & Email

TUTTO IL RESTO E’ NOIA

  Franco Califano
 Fonte-Foto: Wikipedia

“Tutto il resto è noia” è forse la canzone più nota di Franco Califano.

Il brano fa parte dell’album omonimo che è il quarto album in studio di Franco Califano, pubblicato nel 1977 per l’etichetta discografica Ricordi. L’album, secondo Rolling Stone Italia, è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre alla posizione numero 57.

La canzone racconta la metafora di una qualsiasi storia d’amore senza l’amore, animata solo dalla passione che infine, inevitabilmente, si spegne e poi… tutto il resto è noia.

Pochi però sanno che prima del nostro cantautore tale locuzione fu proferita dal sommo Giacomo Leopardi in una sua lettera (raccolta nell’Epistolario con data 30 aprile 1817 e indirizzata allo stimatissimo scrittore Pietro Giordani), scriveva testualmente:

Cosa vi è di bello in Recanati che l’uomo si curi di vedere o d’imparare? Niente! Qui l’unico divertimento è lo studio … tutto il resto è noia!

Non sappiamo se il Califfo l’abbia presa a prestito dal grande poeta ma di certo si può affermare che lui l’ha coniata per i tempi moderni.

In un’intervista rilasciata al giornalista Rai Vincenzo Mollica ha dichiarato: “Ho battuto Ungaretti”. E così spiegava la sua affermazione: “Il titolo della mia canzone, a differenza dei suoi versi è entrato nella memoria collettiva”. E con una sicurezza che avrebbe lasciato sconcertato il più esperto tra i letterati diceva: “Tutto il resto è noia io l’ho paragonata con un po’ di presunzione a M’illumino d’immenso. E secondo me sono uscito vincitore!”

Certo potremmo dare a questo pezzo anche un altro significato, cioè quello dell’insoddisfazione che regna sempre dentro di noi… qualsiasi cosa ci accada o che facciamo, alla fine rimanendo soli, torniamo nei nostri pensieri insoddisfatti, malinconici e privi di soddisfazione, come se ci mancasse sempre e comunque qualcosa…

Il brano non parla della noia di rimanere soli per un amore abituato o finito… il testo sembra un po’ più complesso e profondo, una profondità che come ogni cosa affascinente sfocia nel mistero.

Un testo triste, malinconico, cinico, che presenta l’allegoria dell’apparire pieni interesse e di voglia di vivere in antitesi all’esserlo realmente.

Il refrain in cui si accostano, sempre in antitesi, i termini “gioia e noia”, anticipati dalla cruciale anafora “sì, d’accordo, ma poi” anticipa un mondo di sensazioni, esperienze, speranze contrastanti sul sottofondo di una musica che apre l’anima, la cui bellezza ci fa quasi immaginare il fascino di una sistuazione noiosa che in teoria non ci porterebbe nulla di buono.

Forse questa canzone racconta la voglia del Califfo di trovare il vero amore nella vita reale e la disillusione di non averlo mai trovato.

Autore: Stefano Leone

Ecco il testo

Sì, d’accordo l’incontro

un’emozione che ti scoppia dentro

l’invito a cena dove c’è atmosfera

la barba fatta con maggiore cura.

la macchina a lavare ed era ora

hai voglia di far centro quella sera

sì d’accordo ma poi..

tutto il resto è noia

no, non ho detto gioia,ma noia, noia, noia,

maledetta noia.

Si, lo so il primo bacio

il cuore ingenuo che ci casca ancora

col lungo abbraccio l’illusione dura

rifiuti di pensare a un’avventura.

Poi dici cose giuste al tempo giusto

e pensi il gioco è fatto è tutto a posto

sì,d’accordo ma poi…

tutto il resto è noia

no, non ho detto gioia,ma noia, noia,noia

maledetta noia.

Poi la notte d’amore

per sistemare casa un pomeriggio

sul letto le lenzuola color grigio

funziona tutto come un orologio.

La prima sera devi dimostrare

che al mondo solo tu sai far l’amore

si, d’accordo ma poi..

Tutto il resto è noia

no,non ho detto noia

ma noia,noia, noia

maledetta noia.

Si d’accordo il primo anno

ma l’entusiasmo che ti resta ancora

è brutta copia di quello che era

cominciano i silenzi della sera

inventi feste e inviti gente in casa

così non pensi almeno fai qualcosa

si, d’accordo ma poi..

Tutto il resto è noia,

no, non ho detto gioia,ma noia,noia,noia

maledetta noia

Diziomondo © 2018 - Sebbene le informazioni presenti nel sito siano accuratamente selezionate, l'autore non si assume responsabilità alcuna per danni subiti da terzi per aver utilizzato delle informazioni in esso contenute e/o da errori relativi ai concetti qui esposti. Altresì, è anche opportuno specificare che questo sito si fonda su risorse gratuite o estratte da altri siti con il permesso degli autori e per sue caratteristiche non può considerarsi in alcun modo una testata giornalistica. Frontier Theme